Natività senza fine

Natività senza fine

Dalle scatole delle uova ai tappi di sughero, dalle riviste ai ritagli di stoffa…
Tante idee con materiali poveri per rappresentare la capanna di Betlemme 

 

In morbido feltro

Vecchi ritagli di stoffa, meglio se di feltro o pannolenci, forbici, ago e filo e un po' di manualità: questo è tutto quello che ti serve per realizzare questi morbidi simboli del presepe e appenderli sull'albero o a un'originale ghirlanda. 

I cartamodelli li puoi scaricare dal web, dopo avere digitato nativity bunting tutorial su Google.

hoogally.com

 

Al posto delle uova 

Da fare con i bambini: loro dipingeranno una vecchia scatola delle uova con le tempere, trasformandola nella capanna. La mamma confezionerà la Sacra Famiglia, incollando una pallina di legno (in vendita nei negozi di creatività) a un tappo di sughero e creando gli abiti con ritagli di stoffa. I personaggi realizzati così possono trovare posto anche nella corona di tappi della foto in alto.

mentootlet.blogspot.com

 

Semplici sassi 

Un pezzo di corteccia trovato nel bosco e i sassi raccolti al mare quest'estate: da questi ricordi delle vacanze nasce un presepe semplice e poetico. Fondamentale l'uso di una colla da montaggio cristallina: non si stacca, non lascia traccia. Per "far volare" l'angelo, serviranno anche degli spiedini di legno: uno per conficcarlo nella corteccia, alcuni ritagliati per realizzare le ali. 

 

Carta e cartoncino

Per le più brave in disegno, è il momento di radunare tutti gli avanzi di cartoncino e carta da regalo che si trovano in casa: una volta disegnate e ritagliate
le sagome ispirandosi alla nostra foto,
le si vestiranno incollando la carta fantasia. Dei tagli alla base in cui infilare i supporti faranno stare in piedi
i personaggi.

mitik.com

 

 

 

Un presepe "pasquale"


Se avete realizzato la capanna con il portauova di cartone e ora non sapete più dove mettere le uova, ispiratevi a questa foto: dopo averle rassodate cuocendole per 10 minuti in acqua bollente, dipingetele con tempere e pennelli. Una volta asciutte, basta un colpetto alla base per regalare stabilità. E il bambino? Servirà un ovetto di quaglia. 

erlijiokoirakaslea.blogspot.com

 


Accedi a Selex
Per votare o lasciare una recensione devi essere registrato

Non sei registrato?

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Se continui la navigazione accetti di utilizzarli. Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Cliccando sul bottone "ok" qui di seguito, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.