Verona da amare

Verona da amare

Città d'arte con un centro storico patrimonio Unesco, il gioiello sull'Adige deve la sua fama immortale a Giulietta e Romeo. E a Natale si mostra in tutta la sua romantica bellezza

Romana, medievale, rinascimentale, asburgica, risorgimentale... Ogni epoca ha lasciato tracce importanti in questa città racchiusa da 25 secoli nell'ansa che il fiume Adige compie allo sbocco sulla pianura veneta. Anche la fama “turistica” di Verona è molto antica: merito di William Shakespeare che, pur non avendola mai visitata, vi ambientò tre sue opere. Il protagonista della più famosa, Romeo Montecchi, dice: “Non c'è mondo per me al di là delle mura di Verona”. Certo, per amare così tanto la città lui aveva un motivo che si chiamava Giulietta Capuleti, ma si può solo essere d'accordo sulla bellezza del centro storico, patrimonio Unesco. E nei mesi autunnali e invernali Verona è ancora più attraente. Quando la pallida luce del sole, basso sull'orizzonte, accende il rosa naturale dei suoi monumenti più famosi: l'Arena, il Teatro Romano, l'Arco dei Gavi, Porta Borsari, le Arche Scaligere, le torri e i merli ghibellini di Castelvecchio, la facciata romanica di San Zeno, il palazzo della Gran Guardia...

 

Piazza d'Italia

Per tener fede al suo principale “press agent”, la visita di Verona deve cominciare dal n. 23 di via Cappello: la Casa di Giulietta. Nulla a che fare, storicamente, con il personaggio shakespeariano, ma la fama universale degli infelici amanti ha fatto di questa casa rinascimentale (rifatta negli anni '30 del '900) un punto d'incontro dei visitatori di tutto il mondo. Che hanno istoriato di iscrizioni ogni centimetro quadrato dell'androne e, nel cortile, lucidato a specchio la statua di Giulietta come neanche quella di san Pietro in Vaticano. Potere dell'amore e della grande letteratura. Lo strano è che la Casa di Romeo, al n. 4 di via Arche Scaligere, a poche centinaia di metri di distanza, è snobbata dai più. In entrambi i casi, ultimata la visita, si arriva a Piazza delle Erbe, l'antico Foro Romano, con la sua straordinaria quinta di case e palazzi. Certamente una delle più belle d'Italia, anche se sulle bancarelle le primizie di stagione sono state ormai rimpiazzate da paccottiglia turistica.

 

Arte su arte

Da Piazza delle Erbe ci si può spingere poi verso il Ponte di Pietra per arrivare, attraverso il dedalo delle viuzze di origine romana, a uno dei maggiori tesori artistici della città, custodito nella chiesa di Sant'Anastasia. Poco noto e difficile da ammirare per la sua posizione, è imperdibile per il viaggiatore più accorto. Si tratta dell'affresco di Pisanello con le Storie di San Giorgio e il drago, vertice assoluto del tardogotico italiano. Si trova a 15 m da terra, sull'arco di accesso alla Cappella Pellegrini, nel transetto di destra, e per ammirarne i particolari è indispensabile un binocolo o un teleobiettivo. Ma la bellezza della composizione e le soluzioni pittoriche ripagano del sacrificio.

 

Magica atmosfera

Tra tante bellezze storiche, Verona non disdegna però l'arte moderna. La Galleria dello Scudo (via Scudo di Francia, 2, tel. 045590144 www.galleriadelloscudo.com) propone autori contemporanei di altissimo livello. A novembre è prevista Selezione 5, antologica con opere di Consagra, Gallo, Mattiacci e molti altri. A dicembre, retrospettiva di Antonio Sanfilippo. A questo punto si può tornare sui propri passi e uscire sulla maestosa Piazza Bra, accanto all'Arena. Dal 28 novembre, l'anfiteatro che d'estate ospita la stagione lirica, richiamo di melomani da tutto il mondo, si ravviva con la grande cometa che scaturisce dalle gradinate superiori per adagiarsi con la sua corona accanto al Listòn, il lastricato in pietra che segna la passeggiata per eccellenza dei veronesi. Le luci di Natale di bar e ristoranti e gli arcovoli illuminati dei presepi provenienti da tutto il mondo rendono ancor più magica l'atmosfera.

Gli appuntamenti di dicembre - Shopping goloso


Fiera di Santa Lucia - Banchetti con dolci e idee regalo per un anticipo di Natale. Dal 10 al 13 dicembre in Piazza Bra.

Rassegna Internazionale del Presepio nell'arte e nella tradizione - Dal 28 novembre al 24 gennaio 2016, classica carrellata di natività sotto gli arcovoli dell'Arena.

XXV Concorso del Presepio Tradizionale ed Artistico - Ancora un importante appuntamento con la magia del Natale. In sala Birolli all'ex Macello

Mercatini di Natale in Piazza dei Signori - Da fine novembre a Natale.

 

Shopping goloso

• Antica Salumeria Albertini 

Corso Sant'Anastasia 41, tel. 0458031074

Salumi, formaggi, pasta artigianale e vini di produzione locale.

 

• Gastronomia di via Stella

Via Stella 11, tel. 0458004998 www.gastronomiastella.it

Oltre alla vendita di prodotti gastronomici, fa anche da piccola ristorazione. Per uno spuntino veloce senza rinunciare alla qualità.

 

• Caffè, Cucina e Bottega Scapin

Via Armando Diaz 20-22, tel. 0458003552 www.scapin1935.it

Ristorante e rivendita di gastronomia. Da ottant'anni, due aspetti dell'ospitalità veneta (l'osteria e il negozio) riproposti a livello di eccellenza.

"Verona da amare"
di Auro Bernardi


Accedi a Selex
Per votare o lasciare una recensione devi essere registrato

Non sei registrato?

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Se continui la navigazione accetti di utilizzarli. Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Cliccando sul bottone "ok" qui di seguito, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.