Altre ricette
Il frutto dell'amore

Il frutto dell'amore

Ricchissimo di elementi nutritivi nobili ed estremamente versatile il pomodoro fu ritenuto frutto afrodisiaco; ecco come comprarlo, conservarlo e utilizzarlo

Nel corso del tempo, il pomodoro e divenuto ingrediente irrinunciabile di molte tradizioni culinarie. E questo grazie anche alle diverse varieta oggi disponibili. Da quelle di colore giallo, dalle quali il pomodoro prende il nome, meno acide di quelle rosse, alle tante varieta rosse, tonde e lisce (Ventura, Sardi, Ramati) o costolute (Costoluto genovese, Costoluto di Parma, Marmade), o ancora di forma allungata (tra tutti il San Marzano), grandi (Cuore di bue) o piccole (Ciliegia o Datterino). In linea di massima i pomodori tondi, siano essi lisci o a coste, sono piu adatti a essere consumati crudi. Per salse, passate, pelati si utilizzano invece le varieta allungate che presentano pochi semi e polpa compatta rosso vivo.

 

COME SCEGLIERLI

Quale che sia la varieta, al momento dell'acquisto verificate che i pomodori abbiano pelle liscia e polpa soda e che siano sani. Controllate che non presentino segni scuri vicino al picciolo. Se hanno zone verdi possono essere fatti maturare in casa (avvolgeteli a uno a uno in carta da cucina e laciateli in luogo asciutto), macchie gialle in un pomodoro rosso indicano invece scarsa qualita. I frutti migliori sono quelli maturati sulla pianta sotto il sole, disponibili solo d'estate, tra giugno e settembre, molto piu saporiti di quelli maturati in serra; li si riconosce da una vaga sfumatura verdastra alla fine del gambo. Se cresciuti in terra piena e maturati sulla pianta, inoltre, presentano forme meno regolari di quelli di serra.

 

COME CONSERVARLI

I pomodori non vanno tenuti in frigorifero perché perderebbero sapore. Per le lunghe conservazioni ci sono passati e conserve. Una soluzione piu semplice e quella di ridurli in salsa e conservarla nel congelatore. Bastera sbollentarli, privarli della buccia e dei semi, tagliarli e farli cuocere fino a che si disfano. I pomodorini possono essere congelati interi, ma poi vanno cotti.  

 

IN CUCINA  

Mai utilizzare pentole e accessori in alluminio per cuocere i pomodori perché si ossidano e prendono sapore metallico. Scegliete invece pentole smaltate o in coccio o, al limite, in acciaio, e cucchiai di legno. Se avete preparato in anticipo uno spezzatino o un gulasch in una pentola metallica, travasate il cibo appena terminata la cottura e conservatelo in un piatto di servizio fino al momento di scaldarlo. I pomodori ben maturi da usare per preparazioni che non prevedono la cottura possono essere sbucciati a freddo in modo da conservare tutti i nutrimenti termolabili. Se invece i pelati sono destinati alla cottura scottateli per qualche secondo in acqua bollente dopo aver praticato un'incisione a croce sul fondo. Quando si preparano salse a base di pomodori, questi, oltre a essere pelati e privati dei semi devono essere lasciati a sgocciolare per una mezz'ora in un colapasta per prendere l'acqua di vegetazione. Per le preparazioni cotte si prediligono i pomodori di forma oblunga che hanno polpa meno acidula. L'acidita puo pero essere eliminata aggiungendo zucchero, fino a 30 g (un cucchiaio) per chilo di pomodori. La sterilizzazione delle conserve si fa mettendole negli appositi vasi a chiusura ermetica che vanno immersi completamente nell'acqua (il livello di quest'ultima deve superare quello dei barattoli di almeno 2 centimetri) che viene portata a bollore.    

 

 

 

 


Accedi a Selex
Per votare o lasciare una recensione devi essere registrato

Non sei registrato?

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Se continui la navigazione accetti di utilizzarli. Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Cliccando sul bottone "ok" qui di seguito, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.